Cosa vedere e eventi nella cittadina lagunare di Comacchio ai 7 Lidi ferraresi

Dopo i tuffi al mare , la tintarella , e i vari divertimenti ai Lidi Ferraresi è arrivato il momento di godere l’atmosfera rilassante e tranquilla di questa città d’arte a soli 7 chilometri dalle spiagge dei Lidi

Comacchio è il centro storico più caratteristico e fascinoso del Delta del Po, discendente dell’antica Spina , ha origini antichissime : sorse infatti ai primordi del Medioevo su tredici isolotti e fondò esclusivamente sull’acqua la propria evoluzione urbana ed economica.

 

Possiamo paragonare Comacchio ad una Piccola Venezia, molti tratti sono similari; una città lagunare , con le sue acque che percorrono in lungo e in largo per una fitta rete di canali, lungo i quali si specchiano in perfetta simbiosi case basse di svariati colori .

 

La sua bellezza è indiscussa, infatti è spesso  sede di set cinematografici  e spot tv, Comacchio vanta un'atmosfera unica, grazie  all’imponente Trepponti che vi accoglie all’ingresso della città. Edificato nella prima metà del 600, secondo un progetto assolutamente atipico e originalissimo, doveva collegare la rete di canali cittadini con quello che portava al mare .

Si sale da un lato sulle sue scalinate in pietra d’istria e si scende dall’altro lato per entrare nel centro , affiancando la pescheria, un edificio del XVII sec. , in cui vi era l’antica sede del mercato ittico cittadino ; da via della Pescheria si volta a sinistra , sul ponte degli Sbirri , da dove si puo' ammirare Palazzo Bellini , tipico esempio di manufatto gentilizio dell’ottocento , prima dimora di una aristocratica famiglia di Comacchio, ora adibita a Galleria d ‘arte Moderna per rassegne e mostre a livello nazionale e sede dell’archivio storico e della biblioteca comunale  ;

sul lato opposto  troviamo L’ospedale degli infermi, eretto tra il 1778 e il 1784 , su incitamento di Papa Clemente XIV ; era stato concepito affinchè la povertà e  l'abbandono non fossero d' ostacolo al raggiungimento della salute.  

Oggi, non più ospedale, ma sede del famoso museo archeologico con reperti etruschi , romani e dell’alto medioevo .  A ridosso del ponte , nelle vecchie carceri, si trova il museo civico della nave Romana, in cui è conservato il carico rinvenuto a bordo di un ‘imbarcazione di età augustea ; se si procede su via Fogli si costeggia il Canale Maggiore , sul quale  piccole imbarcazioni ,come le Gondole a Venezia, qui  dette batàne,  caratteristiche  barche a fondo piatto , accompagnano i turisti , mentre i barcaioli narrano loro , storie locali.

In fondo, prima della Torre dell’Orologio , girando a sinistra su via Ugo Bassi , si passa accanto all’antica Loggia del Grano, costruita nel 1621 come deposito di grano per i poveri della città e si raggiunge la Cattedrale di San Cassiano , patrono della città che si festeggia ogni 13 agosto; questo duomo ha fondazione antichissima , particolare è la sua torre Campanaria.

Dalla Cattedrale si prosegue diritto per Corso G.Mazzini , dove si puo' ammirare  lo scenografico Loggiato dei Capuccini , composto da 142 archi sostenuti da colonne di marmo; al termine del quale si trova il Santuario di Santa Maria in Aula Regia , detto anche della Madonna del Popolo , dove si conserva una statua della vergine arrivata inspiegabilmente dal mare.

Lungo il loggiato si puo' visitare  l’Antica Manifattura dei Marinati , tuttora  utilizzata per  la cottura e marinatura dell’anguilla e delle acquadelle ; è un museo che consente di percepire l’immenso legamento dei Comacchiesi con i prodotti delle proprie acque , un ‘esperienza che lascia capire i gesti della vita quotidiana , passata a fianco ai fuochi , tra il baccagliare delle donne che preparano la giusta salamoia , dosando aceto , acqua, sale e foglie di alloro.

Qui, come un tempo , nella calata attraccano le barche per il conferimento del pesce , nella Sala dei Fuochi , i dodici camini funzionanti ancora oggi , danno all’anguilla infilzata nei lunghi spiedi, la peculiare cottura e, poi finalmente nella sala degli aceti , con tini e botti , si realizza la marinatura dell’anguilla.

 

La scoperta della città passa anche dai suoi ottimi prodotti enogastronomici: vi sono quarantotto differenti piatti di anguilla , dal delicatissimo risotto , a quella marinata, dall' anguilla in  brodetto , detta localmente anguilla a becco d’asino , all'anguilla cotta fra le foglie della verza, da quella  fritta , a quella cotta  alla griglia , ove  puo' sprigionare tutto il suo intenso aroma...... impossibile resistere.... e tanti altri modi che scoprirai solo, venendo ai Lidi di Comacchio!

 

Durante l’arco dell’anno Comacchio diventa lo scenario di numerosi eventi: da settembre a ottobre sagra dell’anguilla , a  novembre Jazz Festival , a fine ottobre  Festa di Halloween, a dicembre Festa di Natale  e di Capodanno, a gennaio festa della befana , febbraio Carnevale sull’acqua ,dal 17 marzo Primavera slow , dal 28 aprile al 1 maggio International Po delta Birdwatching Fair il più grande evento dell’europa continentale , dal 4 al 6 maggio Nerolaguna Comacchio Book Festival , 16 maggio MilleMiglia, mese di giugno Comacchio By night ,sempre nel mese di  giugno  Festival Street  Art, a fine giugno Carnevale sull’acqua estivo , a Luglio notte rosa ,13 agosto Festa san Cassiano patrono della città , 17 agosto Anteprima Buskers Festival . 

Gallery fotografica Cosa vedere e eventi nella cittadina lagunare di Comacchio ai 7 Lidi ferraresi